Hypnotica (2002)

Anno di uscita
2002
Titolo originale
Doctor Sleep
Regia
Nick Willing
Genere
soprannaturale, onirico
Cast
Shirley Henderson, Goran Visnjic, Miranda Otto, Sophie Stuckey
Durata
108'
Paese
Regno Unito
Voto
6.5

Di Hypnotica, lo dico in tutta onestà, fino a qualche tempo fa non avevo mai sentito parlare. Poi però è arrivato il suggerimento di una persona a me vicina, nonché collaboratrice di Creepy Visions, ed inevitabilmente si è passati pochi giorni dopo alla visione del film.

L’inizio è intrigante: un ipnoterapista, da poco trasferitosi in Inghilterra per motivi non ancora del tutto chiari, pratica delle sedute di ipnosi per far sì che i suoi pazienti smettano di fumare, ed il suo metodo pare infallibile, visto che in molti riescono a smettere già dopo una sola seduta. Tuttavia, durante una seduta Michael ha una sorta di visione, relativa ad un ricordo presente nella mente di una sua paziente.

Inavvertitamente si lascia sfuggire il particolare, attirando la curiosità della donna, che si scopre essere un’agente di polizia. Usando come ricatto il fatto di essere a conoscenza della sua posizione irregolare come medico, lo costringe ad aiutarla in un caso investigativo riguardante un serial killer. L’investigatrice è incaricata di proteggere una bambina, l’unica riuscita a salvarsi in seguito al rapimento da parte dell’assassino. Da allora, però, la bimba ha smesso di parlare, e l’agente spera, grazie all’aiuto delle capacità di Michael, di riuscire a risalire allo spietato assassino. Iniziano dunque delle sedute ipnotiche, durante le quali si scoprono vari elementi di una vicenda che ben presto si tinge di arcano e di occultismo, sfociando nel paranormale.

Caratterizzato da un una trama ben congegnata, Hypnotica funziona in quasi tutti i suoi aspetti, a partire da un’ambientazione, quella di Londra, resa piuttosto bene e capace di dare una luce diversa rispetto all’immagine stereotipata della capitale britannica. Nonostante la vicenda sia aggrovigliata, lo spettatore non si trova mai nella fastidiosa situazione di non riuscire a seguire lo sviluppo della trama. Il livello recitativo è altalenante: si passa da prove più che dignitose, come quella dell’ipnoterapista, ad altre poco ispirate, come quella dell’agente di polizia.

Si sente la mancanza di qualcosa nella parte centrale e finale del film, ma forse è più che altro la presenza di molti elementi magici e soprannaturali che a lungo andare diventano i protagonisti di una pellicola che, seppur pienamente sufficiente e meritevole di una visione, avrebbe potuto essere ancora migliore. Ciò non toglie, come detto, il valore di un film realizzato con non moltissimi mezzi eppure ben diretto ed articolato.

Hypnotica (2002)
Voto del redattore
6.5
Voto dei lettori0
0
6.5
Altri articoli
Zeder (1983)